Seguici su:
giovedì 23 novembre 2017

Il primo portale scientifico per sapere tutto sul Ringiovanimento della tua persona

       Registrati alla Newsletter, inserisci la tua e-mail:
       Ricerca libera:    
Articolo a cura di:
Dr. Giovanni Salti
Dr. Giovanni Salti Specialista in Chirurgia

Vedi gli articoli collegati

Applicazioni di Ringiovanimento Globale

RingiovanimentoGlobale Palomar StarLux 500

Il sistema ad alta potenza Palomar “Starlux500” ingloba luci pulsate di quarta generazione e laser ed è un sistema estremamente versatile in grado di fornire un ampio spettro di trattamenti medico-estetici eseguibili in assoluta sicurezza. Ha inoltre un sistema di raffreddamento attivo a contatto che rappresenta la massima espressione della tecnologia in fatto di raffreddamento e quindi di sicurezza.
Come detto, il sistema dispone di diversi manipoli, con i quali è possibile affrontare molteplici problematiche, anche e soprattutto combinandoli in un programma terapeutico globale, che offre risultati naturali e duraturi nel tempo.
I 3 manipoli che permettono la massima espressione terapeutica del sistema sono denominati Lux G, 1540, e Lux Deep IR.

MANIPOLO PALOMAR “LUX G”
Si tratta di una luce pulsata policromatica con lunghezza d’onda 500-670nm, diametro del punto 10x15, fluenza massima 60 J, durata della pulsazione 1-500ms e velocità massima (di fraquenza di pulsazioni) di 2Hz.
Le indicazioni proprie di questa luce sono le discromie del volto, collo, decoltè, mani e braccia, sia di origine pigmentaria (cheratosi solari, lentigo senili, lentigo solari ecc), sia di origine vascolare (teleangectasie, couperose, angiomi tuberosi, rubino, spider, poichilodermie).
Il trattamento è ben tollerato dal paziente e decisamente socializzante: la sensazione post-trattamento, della durata di 1-2 ore, può essere paragonabile a a quella successiva ad una prolungata esposizione solare, ma può essere alleviata con l’applicazione di ghiaccio, combinata ad una crema a base di ossido di zinco. Per quanto riguarda il trattamento delle ipercromie da photoaging è possibile che in prima-seconda settimana dal trattamento, le stesse si scuriscano con formazione di micro-croste che tenderanno a cadere e a lasciare spazio a nuovo tessuto sano.
Le sedute vengono ripetute in numero variabile a seconda del tipo di discromia e dal fototipo del paziente, ad intervalli di un mese l’uno dall’altro.
La luce G permette inoltre di trattare contemporaneamente le lesioni vascolari spesso associate al photoaging. In caso di lesioni vascolari isolate, il trattamento prevede dei settaggi specifici che permettono di trattare efficacemente, anche in una sola seduta, inestetismi che in passato dovevano ricevere ripetuti trattamenti. Gli esiti del trattamento delle lesioni vascolari sono estremamente modesti, senza porpora e con formazione di microcrosticine solo in casi sporadici.
Importante è infine la foto-protezione dalle radiazioni solari (con protezione minima 30 spf) per tutta la durata del trattamento e dopo l’ultima seduta per un periodo di circa 30gg con tempistiche di esposizione e di protezione, graduali.

PALOMAR LASER Lux 1540 ERBIUM-GLASS
Strumento d’elezione per il moderno resurfacing non ablativo grazie alla tecnologia  frazionata.
Ha una lunghezza d’onda 1540nm, diametro del punto 10 o 15 mm, densità del raggio 100-320 spot per cm2, durata della pulsazione 1-10ms e velocità massima (di fraquenza di pulsazioni) 1 cm2 x sec.
Il meccanismo d’azione è basato sulla formazione di reticoli di microraggi ottici che generano zone denaturate nella pelle circondate da cute sana. Questo minimizza l’entità delle lesioni in confronto alla totalità del trattamento con conseguente aumento del margine di sicurezza e con un processo di guarigione altamente socializzante, quindi per nulla devastante come con le metodiche di resurfacing non frazionate tradizionali. Le microzone di denaturazione termica si approfondiscono nel derma, a seconda del tipo di manipolo e di settaggi usati, fino ad 1 mm, con possibilità di avere un vero e proprio rimodellamento strutturale del tessuto in toto. Le zone di microdenaturazione termica vanno quindi incontro a sostituzione da parte di tessuto neoformato in un periodo di tempo di 1-2 mesi.
Ogni seduta di trattamento è in grado di trattare circa il 20/25% dell’intera superficie cutanea, e quindi l’efficacia dei trattamenti, che comincia ad apparire visibile dopo 2-3 sedute, si manifesta a pieno dopo circa 5 sedute di trattamento ma continua a perfezionarsi per i successivi 6 mesi.
Le indicazioni sono la correzione della micro-rugosità, le lesioni pigmentate benigne epidermiche (cloasma, melasma), il miglioramento della tensione cutanea, gli esiti cicatriziali, le smagliature, i pori dilatati e il miglioramento generale della trama cutanea.
I risultati sono assolutamente entusiasmanti per quelle lesioni che in passato avevano scarse possibilità di trattamento, quali le cicatrici e le smagliature. Il trattamento delle cicatrici è efficace sia su quelle depresse (cicatrici acneiche) che su quelle ipertrofiche ed addirittura cheloidee.
Il trattamento, anche quando esteso, è ben tollerato, con un senso di leggero bruciore per circa 1-2 ore e un lieve rossore sulla zona trattata che si esaurisce in 24-48 ore. Se viene trattata la zona perioculare è possibile avere un po’ di edema nella zona per 48 ore.
Come precauzione è d’obbligo lo schermo solare almeno 30 spf e l’applicazione sulla parte di un buon idratante per favorire il miglior risultato possibile.
Sicuramente il frazionamento della luce laser rappresenta una evoluzione storica nella chirurgia laser dermatologica, ed il manipolo 1540 rappresenta il punto di forza di questa macchina.
 
INFRAROSSO PALOMAR DEEP IR
Questo manipolo sfrutta la tecnologia della luce infrarossa frazionata.
Le caratteristiche sono: lunghezza d’onda 850-1350nm, diametro del punto 12x28, fluenza massima 100 J, durata della pulsazione 2.5-5ms e velocità massima (di fraquenza di pulsazioni) di 3/4cm2/sec.
Creando aree ben definite e controllate di ipertermia e denaturazione termica frazionata nel derma reticolare, nella giunzione dermo-ipoderma e nell’ipoderma, con simultaneo raffreddamnento della superficie della pelle per il massimo conforto, è possibile ottenere la contrazione delle molecole di collagene con un’evidente tensione della superficie cutanea, rimodellamneto della giunzione dermo-epidermica, modificazione dei fasci fibrosi ipodermici e attivazione della funzione microcircolatoria.
Tutti questi meccanismi danno come risultato maggior tensione cutanea e quindi le indicazioni di questo manipolo sono tutte quelle zone dove vi è un’elastosi, una lassità e una perdita di tono a favore della gravità (lassità addominali, collo, regione mandibolare, terzo inferiore del viso, ecc)
Il trattamento è assolutamente confortevole in quanto il setting della macchina viene fatto su misura con il paziente lavorando, quindi, sempre sotto la soglia del fastidio termico. Anche in questo caso il frazionamento permette di erogare energia in modo discontinuo con maggiore sicurezza e comfort per il paziente. I risultati divengono apparenti dopo una serie di 5-6 trattamenti, separati da 20-30 giorni l’uno dall’altro.
Questo strumento non ha bisogno di particolari precauzioni “post” tranne quelle di base per un corretto uso cosmetico e di stile di vita.

ASSOCIAZIONI PALOMAR
Dopo un attento colloquio con il paziente per capire le reali e primarie esigenze, è possibile associare l’azione dei diversi manipoli per ottenere un risultato ancora più soddisfacente, naturale e completo.
Possiamo combinare un trattamento “full face” con manipolo 1540 con azione specificatamente dermica con sedute con manipolo infrarosso “IR” che, andando ad agire a livello ipodermico, dà tensione per esempio in regione mandibolare e collo, con conseguente risultato di una cute più tonica, soprattutto in quelle pelli più mature dove la forza di gravità si fa sentire maggiormente.
Altresì possiamo trattare le discromie, sia esse vascolari che pigmentarie, con il manipolo “G”, per poi agire sulla texture  e ringiovanimento generale del viso con il 1540 e concludendo con l’infrarosso “IR” per contrastare la forza di gravità.
In conclusione possiamo dire che sfruttando l’associazione e la combinazione dei manipoli con il loro diverso target (G a livello epidermico, 1540 a  livello dermico e IR a livello ipodermico), possiamo ottenere un ringiovanimento globale, molto naturale e duraturo nel tempo.

Sponsor by
 
RingiovanimentoGlobale.it
Il primo portale scientifico per sapere tutto sul Ringiovanimento della tua persona

Registro delle Imprese di Milano N° REA: MI-1589694
Per contattarci info@ringiovanimentoglobale.it

©2012 tutti i diritti riservati - Sito creato da Mavilab

Privacy Policy